Category: Classe 5^ Roveredo di Guà

marzo 17th, 2017 by Maestro Mirko

Alle 5.00 di mattina, radunati nel piazzale Alpino Terragin, presso le scuole di Cologna Veneta, alcuni ragazzi di classe V di ogni plesso del nostro Istituto Comprensivo si sono ritrovati pronti a partire alla volta di Roma e del Quirinale. Ad accompagnarli c’erano il sottoscritto, maestro Mirko, assieme al Dirigente Lauro Molinaroli, alla collaboratrice del Dirigente, maestra Federica Maggioro, e due insegnanti rispettivamente di Cologna e S. Andrea, Renata Dal Monte e Sonia Olivieri. In tutto l’allegra (ed emozionata) comitiva contava 25 persone.

Un “bagno” nei Giardini del Quirinale.

Si parte puntuali sullo scuolabus e si raggiunge la stazione di Verona Porta Nuova, che si andava vieppiù animando del consueto viavai di viaggiatori e di pendolari. Faceva piuttosto freddo ma questo non è bastato a raffreddare l’entusiasmo dei nostri piccoli “eroi”.

Veniamo accompagnati verso il nostro Freccia Argento dal gentilissimo personale di Trenitalia e, una volta accomodati, riusciamo a partire in perfetto orario. I bellissimi panorami dell’Emilia Romagna, della Toscana e del Lazio sfilano veloci al di là dei finestrini, e verso le 10.00 arriviamo nella capitale, alla stazione Termini, così chiamata perché sorta di fronte alle monumentali Terme di Diocleziano (inizio IV sec. d.C.).

Piazza del Quirinale, Fontana dei Dioscuri

Dopo una passeggiata di circa un chilometro e mezzo fra i meravigliosi monumenti della Città Eterna e accompagnati da un cielo azzurrissimo, arriviamo in Piazza del Quirinale; appena il tempo di qualche foto di gruppo davanti alla fontana dei Dioscuri (i due gemelli divini Castore e Polluce, figli di Giove e Leda) e poi subito si entra nel Palazzo del Quirinale.

Dopo aver consegnato il nostro dono al Presidente (il testo delle Lettere di Giulio Cesare  stampato generosamente  dalla Tipografia “Colore & Stampa” di L. Sandri, che ringrazio), abbiamo avuto l’onore di incontrare i meravigliosi alunni delle primarie di Amatrice con le loro insegnanti, potendo effettuare con loro un primo giro dei fantastici giardini del Quirinale, già palazzo papale e poi residenza dei Savoia.

Alle 12.30, dopo aver fatto il nostro ingresso nel doratissimo Salone delle Udienze, abbiamo incontrato gli alunni di tutte le scuole primarie invitate da ogni parte d’Italia e di lì a poco ha fatto il suo ingresso nella sala regale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Incontrarlo è stata per noi una grande opportunità, condita da molta, molta emozione. Ecco la domanda rivolta al Presidente da parte del nostro bravissimo Andrea Brocco, che non ha tradito la minima emozione, nonostante la palpabile solennità del momento:

“Signor Presidente, quando aveva più o meno la nostra età che libri leggeva? Ce ne consiglierebbe uno che ritiene importante?”.

Mattarella ha così risposto: “Ho sempre amato leggere molto, sin da bambino. All’inizio leggevo libri di favole – la mia biblioteca di casa ne era ricca – poi sono passato a letture più impegnative man mano che crescevo.

Da ragazzo la mia lettura preferita erano i romanzi di Giulio Verne (oggi tutti lo pronunciano con più esattezza Jules Verne, alla francese, ma quand’ero piccolo lo si conosceva altrimenti), che aveva previsto con largo anticipo le più stupefacenti invenzioni dell’età moderna: l’aereo, il sommergibile… oggi tutta questa “fantascienza” è superata, nel senso che tali invenzioni sono state tutte già realizzate, ma questi scritti mantengono interamente il loro fascino per i giovani. Ricordo con particolare affetto “Ventimila leghe sotto i mari”, scritto emblematico.

Consigliare un libro non è cosa da prendere alla leggera e non mi permetterei mai di imporvene uno a discapito di altri. Mi piacerebbe suggerirvi però “Il Piccolo Principe“, un testo che almeno una volta nella vita vale la pena di leggere, capace di arricchirvi ed offrirvi molti, moltissimi spunti”.

Dopo l’udienza abbiamo stretto la mano al Presidente e abbiamo visitato i grandi saloni dove vengono ricevuti re e ambasciatori stranieri, tra cui quelli affrescati con il ciclo dello Zodiaco per ordine di Napoleone. Abbiamo avuto modo di visitare anche la mostra “Dall’antica alla nuova Via della Seta”, ospitata in Quirinale, dov’era illustrata la storia dei commerci fra la Cina e l’Europa dall’antichità ai tempi di Marco Polo.

In posa con il Corazziere

Dopo la foto di rito con i Corazzieri abbiamo salutato la nostra guida locale e i bimbi di Amatrice e ci siamo messi a “fare i turisti”, visitando tra l’altro l’interno delle Terme di Diocleziano, dove si trova la monumentale chiesa di S. Maria degli Angeli e dei Martiri, progettata da Michelangelo, dove chi scrive ha svolto il ruolo di cicerone.

Espletato l’immancabile acquisto di souvenir, siamo risaliti sul nostro treno e via verso Verona; i bambini dei vari plessi si sono mischiati e hanno avuto modo di approfondire la loro conoscenza reciproca e di socializzare, ricordando i momenti più emozionanti della giornata.

Giunti a Verona si effettua un rapido trasbordo sull’autobus e dopo un po’ rieccoci in quel di Cologna, dove siamo stati accolti da un caloroso applauso da parte dei genitori: i nostri piccoli “eroi” erano a casa, missione compiuta!

Da parte mia, come insegnante, non posso che complimentarmi con i ragazzi e con le loro famiglie per la grande serietà, educazione e profondo senso civico dimostrati per l’intero viaggio. Un grazie particolare va anche al Dirigente e alle colleghe che hanno consentito, organizzato e accompagnato passo passo questo importante traguardo.

Posted in Classe 4^ Pressana, Classe 4^ Roveredo di Guà, Classe 5^ Pressana, Classe 5^ Roveredo di Guà, Classe 5^A Cologna Veneta, Classe 5^B Cologna Veneta, Classi 1^-2^-3^-4^-5^ S. Andrea

novembre 7th, 2016 by Maestro Mirko

Il nuovo Sindaco dei Ragazzi di Pressana è Sara Bagatella, di classe V, a cui vanno i nostri complimenti e i migliori auguri per il suo impegnativo compito.

Sara è risultata vincitrice, alle elezioni del 29 ottobre 2016, su dieci altri candidati; nuovo Vicesindaco è Andrea Brocco, mentre Presidente della Giunta è Pietro Verlato. Assessori sono stati scelti Luca Marzotto, Alessia Marchetto e Consiglieri Beatrice Montanaro e Salma Bellakhdim.

14938254_1765291083744473_63397352042016377_n

Sara ha ricevuto la fascia sindacale dal suo predecessore Kjara Dusha, ed è subito entrata nel vivo dei suoi impegni istituzionali, incontrando il Sindaco Marzotto il 5 novembre e presenziando alla cerimonia in onore dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate che si è tenuta a Pressana domenica 6 novembre.

Sara ha rivolto un pensiero ai terremotati del Centro Italia e alle vittime dei conflitti in Siria e in Iraq, con particolare attenzione ai bambini.

Auguri caro Sindaco, siamo tutti con te!!!

Posted in Classe 4^ Pressana, Classe 5^ Pressana, Classe 5^ Roveredo di Guà, Senza categoria

gennaio 22nd, 2016 by Maestro Mirko

Napoleone Bonaparte e Caio Giulio Cesare

 

Napoleone (Ajaccio 1769 – Sant’Elena 1821) fu senza dubbio il più grande generale del XIX secolo, capace di conquistare in pochi anni un immenso impero che andava dal Portogallo alla Polonia. Eppure Napoleone avrebbe sempre voluto “misurarsi” e confrontarsi con Giulio Cesare (101 – 44 a.C.) che riteneva, assieme ad Alessandro Magno, uno dei suoi modelli: si pensi che dormiva sempre con una copia della Vita di Cesare dello storico greco Plutarco sotto il cuscino.

Napoleone scrisse un libro intitolato Le guerre di Cesare dove, esaminando in dettaglio le campagne militari del grande condottiero dell’antica Roma contro i Galli, affermò che avrebbe saputo fare di meglio, a patto…di poter adoperare i suoi cannoni e la sua artiglieria contro gli accampamenti delle legioni!!!

Di certo, anche Cesare perse un paio di scontri (a Gergovia, in Gallia, o a Durazzo, contro il rivale Pompeo) ma vinse sempre in modo netto e definitivo i suoi avversari, cosa che a Napoleone non riuscì praticamente mai (dopo la prima campagna d’Italia contro gli Austriaci ne seguì una seconda; dopo la grande vittoria di Austerlitz contro gli Austro-Russi seguirono anni e anni di ulteriori campagne contro queste due potenze; in Egitto Napoleone vinse contro tutti i suoi avversari ma la sua flotta venne annienta ad Abukir dall’ammiraglio inglese Orazio Nelson, lasciandolo praticamente bloccato e isolato in Oriente…).

Diciamo che Napoleone era un ottimo tattico, che sapeva intuire quando e come colpire durante le battaglie (a Marengo, ad Ulma, ad Austerltz, etc.), mentre Cesare era un eccellente stratega, che sapeva gestire una guerra in modo ordinato e globale.

Punto debole di entrambi i condottieri erano i collaboratori: Cesare fu tradito da Labieno, comandante della sua cavalleria in Gallia che poi passò dalla parte di Pompeo; Napoleone fu abbandonato dal suo maresciallo Bernadotte che – nominato dallo stesso Napoleone re di Svezia – si unì ai Russi e agli Inglesi contro il suo ex comandante; Cesare inviò il tribuno Curione in Africa contro re Giuba ma Curione riuscì a farsi sconfiggere e uccidere dagli Africani con un’intera legione di esperti veterani e toccò allo stesso Cesare intervenire di persona per rimediare al disastro; Napoleone perse molte occasioni favorevoli per colpa del suo lentissimo maresciallo Ney, che gli costarono parecchie perdite durante la disastrosa invasione della Russia e gli fece sfuggire la vittoria contro i Prussiani e gli Inglesi a Waterloo).

Vorrei lanciare un sondaggio: secondo voi chi era il migliore dei due condottieri, Cesare o Napoleone?

Posted in Classe 3^A Secondaria, Classe 5^ Pressana, Classe 5^ Roveredo di Guà, Classe 5^A Cologna Veneta, Classe 5^B Cologna Veneta, Classe 5^C Cologna Veneta

logo giornalino online
settembre 27th, 2015 by Maestra Michela

Posted in Classe 2^D Secondaria, Classe 3^A Secondaria, Classe 4^ Pressana, Classe 4^ Roveredo di Guà, Classe 5^ Pressana, Classe 5^ Roveredo di Guà, Classe 5^A Cologna Veneta, Classe 5^B Cologna Veneta, Classe 5^C Cologna Veneta, Classe Aperta, Classi 1^-2^-3^-4^-5^ S. Andrea

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi